annotazioni di Pheqof RSS

Tutti gli uomini sono digitali, ma qualcuno è più digitale degli altri
Digital's Farm

Archive

Nov
7th
Wed
permalink

Barack Obama un nuovo leader per l’Occidente

Se quattro anni fa Obama ha presentato una  nuova immagine degli Stati Uniti d’America,  un’immagine diversa, giovane, proiettata nel futuro, pronta ad affrontare le difficili sfide economiche, sociali e ambientali, oggi egli mostra al mondo l’immagine di un’America provata dalle difficoltà della crisi,  dalla lotta per il lavoro e per un sistema sanitario più solidale con chi soffre, ma che non ha perso la speranza nel futuro. Una società diversa e più consapevole, un esempio forse più maturo per il futuro dell’ Occidente.  Almeno così speriamo.

Nov
2nd
Fri
permalink

Globalizzazione, parola conosciuta ma non compresa

Globalizzazione è diventata una parola conosciuta ma non compresa e, se è stato semplice per le persone nutrirsi di prodotti coltivati a migliaia di chilometri e per le imprese trarre profitti dal lavoro a basso costo, è ora invece difficile accettare sacrifici nella convinzione di pagare gli errori di qualcuno che opera dall’altra parte dell’oceano, senza la capacità di domandarci se questi errori sono anche errori nostri.

May
22nd
Tue
permalink
permalink

Mediatore è colui che si assume i rischi di ogni traduzione

"Mediatore è colui che porta le ragioni dell’uno e dell’altro, e viceversa. E’ colui che si fa carico dell’uno e dell’altro, che sa accogliere il senso del loro dire…Mediatore è colui che si assume i rischi di ogni traduzione; tradurre, concretamente, significa andare all’essenziale, cercare il senso di una vicenda in sè e nel contesto, e riferire con parole vive". (*) da ”Il lembo del mantello” Carlo Maria Martini - 1991

May
19th
Sat
permalink

Caro Domenico, cara Maria Paola, cara Melissa

E’ stato dopo il terremoto de L’Aquila che ho iniziato a domandarmi quali erano le nostre responsabilità. Per ciò che era capitato ai ragazzi della Casa dello Studente. Un anno dopo, ho letto le parole di Giustino Parisse ai suoi figli ed ho capito che lui, il problema della responsabilità, lo aveva affrontato. “…Quella notte di un anno fa, eravamo tutti in quella casa che credevamo la più bella e sicura del mondo. Ero io che ve lo avevo fatto credere e voi di papà avevate fiducia. Io ho tradito la vostra fiducia.”

Stamattina, quando ho appreso dell’esplosione davanti alla Scuola “Francesca Morvillo” ho riletto la lettera di Giustino Parisse a Domenico e Maria Paola e ho ripensato anche ai ragazzi della Casa dello Studente. Oggi  non ho voluto ascoltare i telegiornali:  pensavo alle ragazze di Brindisi e consideravo, con tristezza e dolore,  che non abbiamo saputo difenderle: se è vero che l’Italia non era il Paese più sicuro del mondo, certo non immaginavamo che sarebbero state fatte esplodere bombole di gas  all’ingresso di una Scuola.

Oggi sul Web ognuno descriveva la sua teoria ed esponeva le sue certezze. Poche le voci sensate, una su tutte quella di  Miti Vigliero che invitava a non alzare bandiere. Personalmente, non ho certezze… non so se è la mafia, il terrorismo internazionale, la malavita locale, il pazzo isolato o il gruppo organizzato, so però che si è trattato di un atto di insensata violenza. 

Stasera ho acceso il televisore, per qualche minuto. Poi l’ho spento e ho scritto questi brevi pensieri che dedico a Domenico, Maria Paola e Melissa.

Apr
25th
Wed
permalink
Mar
29th
Thu
permalink

La dignità degli altri, la nostra dignità

Chi sa se riusciremo a comprendere che dobbiamo allargare gli orizzonti del nostro cuore e della nostra mente al resto del mondo; se riusciremo a capire che non è più possibile abitare nella zona privilegiata di questo “mondo globale” - dove sono disponibili acqua, cibo, energia, istruzione, cure e diritti - e, nel contempo, ignorare l’altra metà che ne è quasi priva. Se riusciremo a comprendere che dobbiamo pretendere di più, anche da noi stessi, per salvare la dignita di questi uomini, ma anche la nostra.
Feb
27th
Sat
permalink
permalink
Feb
6th
Sat
permalink
Il silenzio perduto.
Il freddo e la neve, la luce gelida di oggi e le lunghe ore di questa serata,  mi hanno riportato alla memoria il silenzio di Eluana.Un silenzio, il cui senso interiore non abbiamo potuto conoscere,che ha ci ha interrogati più di mille parole.

Il silenzio perduto.

Il freddo e la neve, la luce gelida di oggi e le lunghe ore di questa serata, 
mi hanno riportato alla memoria il silenzio di Eluana.
Un silenzio, il cui senso interiore non abbiamo potuto conoscere,
che ha ci ha interrogati più di mille parole.